venerdì 19 ottobre 2012

Esclusivo! Ecco chi vincerà le elezioni 2013






Pian pianino si è fatto il suo zoccolo duro. Senza proclami, senza comizi, senza neppure un manifesto elettorale. È trent’anni che vive nell’ombra e proprio questa manifesta antipatia verso telecamere e taccuini lo ha fatto lievitare nei consensi. I sondaggi lo accreditano di un buon trenta per cento a livello nazionale che equivarrebbe a dire – se i vari Manneheimer non si sbagliano – essere il primo partito d’Italia. Il suo elettore medio fondamentalmente ne ha i coglioni pieni della politica, di Vespa, dei referendum di Pannella, dell’ultimo libro di Veltroni, delle mutande esibite dalla Minetti. Non hanno figli e nipoti da piazzare in qualche ministero, perchè un posto di lavoro, se ci fosse, se lo prenderebbero loro.

Il gesto più emblematico e sovversivo che fanno tutti i santi giorni è quello di rispondere ai sondaggi dei vari siti nazionali cliccando nel circoletto con a fianco la dicitura “Non so”. A qualunque risposta: vi piace il cioccolato? Non so. Vincerà la Juve, il Napoli o finirà in pareggio? Non so. Avete mai fatto sesso in ascensore ? Non so.

Nascosto in qualche anfratto è custodito anche il candidato premier che verrà presentato – in silenzio, mi raccomando – alla vigilia delle elezioni politiche del 2013. Si tratta di Mario Tentenna.

È l’ora di squarciare il velo sul partito che governerà la nostra Italia nei prossimi cinque anni. È il partito degli indecisi, che probabilmente rimarranno indecisi sino al giorno prima e non andranno nemmeno a votare. Oppure il giorno stesso di recarsi alla sezione elettorale non sapranno scegliere il colore dei calzini da indossare o la borsa più intonata alle scarpe. E se ne staranno a casa. Ma intanto si godono il primato.

Alla domanda se sono orgogliosi di questo risultato i nostri indecisi hanno risposto: Non so...

12 commenti:

  1. HAHHAHAHAHAH BEH...NN è IL MIO PARTITO.....DECISA-MENTE!!!!HIHHII KUINDI DIREI.......IL MIO VOTO X KUESTO PARTITO.....è UN BEL NO...IN BIANKO E NERO...!!!HIHIHI;-)KISS KISS.....LA EX MOGLIE DI MARIO TENTENNA....BELIN ....NN PREDNEVA MAI LA DECISIONE...ALLA DOMANDA VOI SEPARARTI..?.DISSE SEMPRE...NN LO SO!!!HIHIII ;_)))

    RispondiElimina
  2. Ricordo che quando programmavo una strategia per la ditta le cose da fare entro tre anni erano a breve termine a 5, 6 anni medio termine e 10-15 anni lungo termine oltre era difficile prevedere ma sapevo cosa decidere e cosa fare.
    il mio breve termine sono diventati 3 giorni, il medio termine una due settimane il lungo termine uno due mesi, cosa deciderò o farò fra sei mesi è ben oltre la mia più azzardata fantasia .
    In questa situazione quando uno mi domanda come va , rispondo : se vuoi una pietosa grande bugia ti rispondo che va tutto bene, se vuoi la verità mettiamoci a sedere perché il discorso è assai lungo e complesso.
    Non sono indeciso, sono decisissimo! ma in settimana mi è arrivata la lettera dalla posta che le spese del conto corrente sono amentate da un minimo del 40% per alcune operazioni e per altre ben oltre il 3.000% si hai letto bene!
    Dicevano che se tutti avranno un conto corrente essendo tutti, tutti pagheranno meno, BUGIARDI- LADRI!
    Come accadde per le assicurazioni obbligatorie e per tutti i servizi che sono indispensabili per vivere LADRI E BUGIARDI !
    Se TUTTI PAGHERANNO LE TASSE TUTTI PAGHERANNO MENO TASSE E LO STATO DARA' PIU' SERVIZI A TUTTI ... NON E' VERO NON CREDETEGLI ! la verità è che se tutti pagheranno le tasse le tasse aumenteranno ancor di più ed i servizi saranno ancor minori e più scadenti .
    QUESTO E' QUANTO LA GENTE PENSA MA NON DICE !
    Certo che le tasse devono essere pagate ed invito tutti a pagarle non c'è dubbio , ma che se tutti pagano le tasse le tasse diminuiranno NESSUNO ci crede più .
    Bene ! anzi MALE!
    La colpa non è degli indecisi ... la colpa è dei LADRI BUGIARDI APPROFITTATORI CONCUSSI E CORRUTTORI E NON ENTRO NEL MERITO DEI LORO STIPENDI E DELLE LORO PENSIONI E VITALIZI CHE NOI PAGHIAMO LORO .
    NON SO è diventato l'acronimo di
    Non hO Nessuna Speranza Ora ... vedremo da qui a sei mesi !
    Certo che la popolazione non ci capisce più nulla e non sa più che pesci prendere , mi meraviglierei del contrario

    RispondiElimina
  3. eh no, mio caro. Questo è un ottimo argomento per un articolo giornalistico, ma non è argomento solido alla resa dei conti. Chi non vota e chi non sà, lascia la delega del potere a chi vince, anche se questi saranno minoranza. Poi alzeranno alti lai e grida di dolore verso il Governo e Quelli che ci vessano, però avranno comunque perso, anche loro,forse come noi che ci ostiniamo ad esprimere preferenza ma che coltiviamo l'illusione di poter cambiare le cose.

    RispondiElimina
  4. perciò siamo un paese PERDENTE.......dobbiamo votare, dobbiamo affermare il nostro pensiero,ma mi rendo conto che non c'è un partito degno di questa definizione, non c'è un politico che non si sia fatto ammaliare dalle note delle sirene, dunque il NON SO potrebbe essere lecito ma non sarebbe giusto verso ognuno di noi. Vorrei suggerire una nuova classe dirigente, nomi sconosciuti e immacolati, giovani o poco più........e vorrei un capo di stato degno del suo ruolo , andrebbe bene un SALVO D'ACQUISTO....tanto per farmi capire
    ... Bruna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si deve invece andare a votare IN MASSA e CONTRO LA CASTA!! Non votare faremmo vincere quei partiti che vorremmo non vincessero. L'avete capito?Poi Non lamentiamoci se le cose vanno male...Abbiamo il governo che ci meritiamo...

      Elimina
  5. ciao!scusa il disturbo e lo spam ^-^ volevo presentarti un blog appena aperto http://unmedicoinfamiglianeinostricuori.blogspot.it/ !!!dai tesori!facciamo crescere questo blog dedicato alla serie più amata d'italia!!!

    RispondiElimina
  6. ...è una bella foto di come sta diventado l'Italia...al solito Aldo hai occhi per vedere ed orecchie per sentire....vorrei tanto però che avessi anche un nome da soggerirci.....almeno spezzeresti questa sensazione del "non so" che fra poco si tramuterà in angoscia....Chi votare? Cosa votare ? Di chi fidarsi ?..... é facile non votare, ma non votando si fa il gioco soprattutto della sinistra che al solito tutta inquadrata, con i paraocchi e paraorecchie marcia verso il solito voto....La vedo brutta....molto....quando parlo così mi dicono che sono con Berlusconi.....Non lo sopporto, ma non sopporto neanche quelli che considerano Monti il salvatore della patria....sono i soliti ciechi e sordi.....Sai che ci sono tanti posti fuori dell'Italia dove si vive benissimo e con pochi soldi?....Non ti viene voglia ? .....a me si....Ciaooooo....Buona serata...

    RispondiElimina
  7. parmigiano del sass9 novembre 2012 13:43

    Ho letto l'articolo di "(e.pier). "La fam. Marzotto, la fam.Barilla". La fam.Marzotto è stata accusata di evasione fiscale. Lasciamo giudicare dal giuduce la verità. Certo è che il capostipite fu Gaetano: tanto ha fatto per la crescita del nostro paese e per gli abitanti di "Valdagno" che negli anni 60' erano talmente incazzati che gli hanno abbattuto la statua collocata nella piazza del paese. Altro discorso per i f.lli Barilla, a cui va dato atto di aver continuato l'attività della fam. con profitto, anche per Parma. Anche Parma ha dato molto alla fam. Barilla con la variante urbanistica dei terreni delle fabbriche in città
    da industriale a uso civile/commerciale. Devono ringraziare
    la giunta Ubaldi per il grosso guadagno che hanno realizzato
    regolarmente. Nel sito dell'ex fabbrica Braibanti, dato la crisi, la vendita dei bellissimi appartamenti si è fermata e il guadagno si è spostato molto più avanti. Va però riconosciuto ai f.lli Barilla che sono gli unici ( a mia conoscenza ) rampolli di industriali di Parma che hanno con
    tinuato con profitto l'attività della fam.
    Va aggiunto che anche loro sono stati attratti più da operazioni finanziarie un guadagno per i f.lli ma un buco di milioni di €. per la Barilla (vedi l'acquisto di azioni della Kamps tedesca). Probabilmente non c'era altro modo per intascare centinaia di milioni di €. in modo regolare e pagare al fisco solo il 12,50%.
    Va riconosciuto che lo sviluppo successivo è stato l'investimento industriale di Rubbiano,nella nuova fabbrica di sughi Barilla.
    Va detto anche che sono da apprezzare le interviste che i f.lli fanno ai mass media quando parlano di sviluppo industriale e/o di analisi economiche. Molto meno quando accusano gli operai Comunisti della Barilla, di sputare o aver sputato nell'impasto del pane durante il lavoro. Chiuque abbia fatto o faccia un atto di questo tipo è un cretino. Se poi questo cretino ha la tessera del "circolo della mela" non è che siano responsabili i dirigenti di quel circolo, ma è responsabile il cretino. Non penso proprio che i dirigenti del PCI, impegnati come erano a mangiare i bambini per colazione, potessero occuparsi di ordinare ad un loro iscritto di sputare nel pane della Barilla. Mal che vada potevano ordinare di rubarlo il pane e portarglielo per la colazione. Io consiglierei al giornalista ( e.pier.) di non leccare i piedi agli industriali; e ai f.lli Barilla, di ascoltare anche le opinioni critiche che possono venire dalla sinistra.

    RispondiElimina
  8. ma! non dovremmo essere orgogliosi di ciò che abbiamo scelto ma felici se questi esaudisce le nostre aspettative.. altrimenti è come tutti gli altri mela bacata per trafugar per se..

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Io farei un ditinguo...
    Un conto è il NON SO del qualunquista, quello che non sa se hai fatto l’amore in ascensore, altro è quello di chi, dovunque s’è voltato, ha visto disonestà, scorrettezze, ruberie ed incompetenza .
    A questi ultimi non possiamo fare una colpa del suo disorientamento, anche alla luce di una legge elettorale che non gli da la possibilità di scegliere con cognizione i suoi rappresentanti.

    RispondiElimina
  11. Ma voi pensate che se mi candidassi io, ragazzo di 28 anni della provincia di foggia, abbassando lo stipendio a tutti i paarlamentari a 3000 euro al mese, mettendo la pensione a tutti i politici dopo 30 anni di contributi, e abolendo tutti i posti statali e parastatali da 6 ore al giorno (quantomeno devi lavorare 8 ore al giorno, io lavoro per 12 o 13 al giorno e sono ancora vivo), pensate dicevo, che qualcuno mi voterebbe?

    RispondiElimina