sabato 2 ottobre 2010

In alto i calici!

A giudicare dallo scenario politico, pare che al giorno d'oggi di problemi drammatici, almeno in Italia, ce ne siano davvero pochi.
Prospera negli ambienti che contano un'oziosa e raffinata convivialità. Esemplari maschi adulti conversano amabilmente di argomenti di straordinaria inutilità e impagabile spasso. Avendo in mano una telecamera virtuale e facendo una carrellata, il piano sequenza si potrebbe cristallizzare su un gruppo di bontemponi che, davanti ad un bicchiere di buon vino bianco ghiacciato, salutano a pacche sulle spalle un sodale finalmente ritornato nella allegra compagnia di giro. Si tratta di Calogero Mannino, uscito indenne e immacolato da un brutto processo di mafia. Non ha sentito nemmeno le ultime righe della sentenza, che si è candidato (e subito prontamente eletto), sotto l'egida della ex Balena Bianca. Nemmeno il tempo di riprendere le vecchie abitudini (auto blu, prebende, party con amici) che dallo scudo crociato dell'Udc fa il salto della quaglia nel Pdl. Questi uomini hanno innato il fiuto del potere e dei gangli dove esso si annida. Ma i bontemponi non sono ilari per il cambiamento di casacca di Mannino (è cosa abbastanza ovvia negli ambienti); il fatto è che l'ex ministro democristiano (vi giuro che aveva un dicastero e per più volte...) è un asso nella difficile arte della briscola chiamata. Trovare un quinto giocatore al giorno d'oggi è cosa estremamente difficile, altro che crisi di governo.
Pochi isolati più in là, si intravedono i leghisti (e qui le voci si trasformano in berci: non è un club di aristocratici...). Abbigliati come cacciatori inglesi dell'Ottocento, se la ridono su come sono riusciti ad infilare il Sole delle Alpi nelle carte di identità di Ponte di Legno, prendendo per il culo per l'ennesima volta l'anziano inquilino dell'Hotel Quirinale. E giù risate.
Non lontano, davanti ad un cocktail multicolore, Fini spiega ai suoi fedelissimi, come si fa ad andare a vivere al mare con pochi soldi e tanta arguzia. Si decide, al termine del briefing, che lo scantinato di Cortina D'Ampezzo tocca a Bocchino. Risate altissime.
Arriva dell'altro vino bianco. Che cosa può offrire di meglio la vita, di un pomeriggio al circolo degli amici?