mercoledì 4 gennaio 2012

Esclusivo: ecco l'agenda di Monti!



È il sogno di tutti i cronisti: sbirciare nell'agenda del primo ministro. Io l'ho fatto e sono riuscito a carpire i punti salienti della manovra che ci salverà dalla bancarotta.
Eccoli, elencati mese per mese.

Gennaio: è in via di attuazione il decreto che tasserà il beni di extralusso: tabacco trinciato, cartine e vino bianco fermo. Gli stipendi dei parlamentari non verranno toccati. Aumenti sensibili per i carburanti.

Febbraio: sarà necessario il parere vincolante della Cei per approvare i decreti legge. Le dichiarazioni di voto al Senato dovranno obbligatoriamente essere illustrate in Latino. Aumenti sensibili per i carburanti.

Marzo: la posta in palio delle partite di briscola al circolo anziani – che sia il caffè o il gin fizz – dovrà essere assegnata previo deposito bancario (spesa di commissione 8 euro). Questo snellimento delle operazioni è reso necessario per la penosa abitudine dei pensionati di pagare con monetine da 1 e 2 centesimi che provocano inutili e controproducenti perdite di tempo. Aumenti sensibili per i carburanti.

Aprile: sgravio fiscale per i possessori di dromedari che porterà un beneficio alle casse statali di 180 euro. Non è molto, ma è il pensiero che conta. Aumenti sensibili per i carburanti.

Maggio: dopo anni di menzogne, in questo mese verrà celebrato per la prima volta nella storia di Italia il piatto nazionale: wurstel e crauti. Piena soddisfazione di Angela Merkel. Aumenti sensibili dei carburanti.

Giugno: via libera al raddoppio degli stipendi dei manager statali. Piena soddisfazione dei sindacati. Aumenti sensibili dei carburanti e del tabacco trinciato.

Luglio: varo della legge che impedisce il passaggio di qualsiasi somma di contante. Sarà introdotto il baratto. La merce di scambio varierà da regione in regione: al nord si userà il chilo di polenta, al sud il casco di banane. Aumenti sensibili dei carburanti.

Agosto: chiuso per ferie, non prima di aver aumentato le accise dei carburanti.

Settembre: Monti protrarrà le ferie fino ad ottobre. Al suo posto presiederà il consiglio dei ministri Angela Merkel (tanto è la stessa cosa). Ricordarsi di dire a Frau Merkel di aumentare i carburanti.

Ottobre: probabile prolungamento del soggiorno di Monti in una località della Ruhr. Visto che la Merkel ha altri impegni, il Governo sarà retto da un cardinale eletto in conclave assieme al Cda di Banca Intesa. Durante il consiglio dei ministri è obbligatorio il cappuccio indossato. Sensibili aumenti dei carburanti.

Novembre: ritorno dalle ferie di Monti. Il discorso di ri-insediamento sarà tenuto in lingua tedesca. Aumenti sensibili dei carburanti e tabacco trinciato.

Dicembre: sarà possibile pagare il pieno al distributore con lingotti d'oro. Raddoppiare lo stipendio dei parlamentari (tanto oramai nessuno se li ricorda più). Discorso di fine anno in tedesco con sottotitoli in latino.
E che Dio ci aiuti... 

17 commenti:

  1. Ciao Aldo, ti leggo sempre con piacere e ammiro anche l sortile ironia che sai usare anche in momenti drammatici come questi. Io, però, spero essendo padre di due figlie: una licenziata a settembre e ancora disoccupata, l'altra ancora precaria da sette anni, che nell'agenda di Monti si possa leggere anche dell'altro più incoraggiante. Lo auguro anche per il bene di tutti gli italiani. Ho però la sensazione che a noi sfugge la situazione reale, non solo dell'Italia, ma del mondo, e dovremmo, forse, analizzarla con preoccupazione e tentare di ipotizzare delle soluzioni. Il mondo è vario per cultura, ricchezza, produttività, risorse e ci vorrebbe un miracolo per armonizzare tutto questo e fissareregole nuove per una convivenza più giusta e umana. Sforziamoci tutti perché il compito è immane, si devono scalare MONTI, non solo leggere nell'agenda di Monti, che pur ritengo un profssionista capace, in una pletora di fannulloni che per molti anni ci hanno fatto indebitare, rinviando il peso nelle generazioni future. Una famiglia seria onesta e consapevole paga i propri debiti, io sono del sud e ricordo il dramma che si viveva in famiglia, ma la probità portava buoni frutti. Un caro abbraccio
    Antonio Lanza

    RispondiElimina
  2. mi piace e condivido in pieno il commento di Antonio Lanza , piemontese io e mio marito pugliese condividiamo ricordi di povertà onesta e senza debiti ...cercherei di non essere così allegramente catastrofica ...tutti i nodi vengono al pettine ed è sempre più duro pettinarsi senza strapparsi i capelli!

    RispondiElimina
  3. Se per toglierci dalle grane (non la grana, quella se la sono 'equamente' spartita) in cui il 'gran cavaliere' ci ha lasciati...ben vengano i sacrifici ma a patto che siano equamente ripartiti e senza 'vuoto a peredere'...Mi auguro che a medio termine ci ritornino in forma di benessere, se non per noi almeno per i nostri figli...dire nipoti sarebbe troppo da lungimiranti o romanticamente illusi.
    Grazie Aldo, sempre bravo!

    RispondiElimina
  4. Splendido!
    Pippo Russo

    RispondiElimina
  5. Si,ok ma se anche i servizi e il tenore di vita diventano tedeschi, allora mi va benissimo.

    RispondiElimina
  6. Bellissimo, e ti ringrazio per avermi faTTO ridere, se mancasse l'ironia la vita SAREBBE davvero invivibile
    A.L.

    RispondiElimina
  7. Ho letto con attenzione e...ho pianto, maledizione io ho pianto, mi son sentita offesa, tradita, violata dalla mia Gente, dal mio Paese....e non ho neanche più la patente...fottiti Monti....io l'accisa sui carburanti non la pago.
    Bruna

    RispondiElimina
  8. MA,Aldo,se i sottotitoli sono in latino,di che ci lamentiamo,potremo dirigere le nostre lamentele "in direttissima" al Padre Eterno!!!CHE DIAMINE!!!!...Gilda...

    RispondiElimina
  9. L'ironia è il sale della vita, qualcuno disse!

    Proprio così Aldo!
    grazie e a presto.

    con affetto!
    anna

    RispondiElimina
  10. Hai dimenticato a maggio, l'aumento delle importazioni di krauti e würstel e contributi straordinari a favore delle piantagioni di cavoli cappucci.

    Simone G.

    RispondiElimina
  11. Bboni i cavoli!
    Primo Sabba

    RispondiElimina
  12. ..mi ci voleva un pò di sana risata dopo tutte le fatiche di questi giorni di ferie, grazie!!!.....Mi accorgo che in certe cose sono di una ignoranza abissale.....Ti vorrei chiedere...ma hai capito a quale debito si riferisce Monti?....io no....ho sempre pagato tutto quindi penso di non avere debiti con nessuno.....Se qualcuno li ha fatti perchè non se li paga per conto suo? ...Io che c'entro?.....Sull'agenda di quell'uomo non c'è per caso un elenco di persone responsabili di tutto sto casino?...Vogliamo far pagare a loro?....Se non lo facciamo, 'sta gente non lo capirà mai come si deve vivere.....non credi?.....Buona serata !!! bigi

    RispondiElimina
  13. Carissimo Aldo, sai che ti leggo sempre con grande
    simpatia. Il tuo saper ironizzare anche in situazioni così allarmistiche, come tutti i giorni ci rammentano tv e giornali: il leggerti mi rincuora e mi fa passare dieci minuti in tua compagnia sorridendo.
    Grazie di tenerci alto il morale.
    Mariel

    RispondiElimina
  14. grande aldo almeno uno che dice la verta c'e' la politica la fanno i preti in italia non i politici

    RispondiElimina
  15. GRANDE!!!!!!!!!!!
    Hai colto l'essenza ....la costante è non toccare gli interessi dei potenti ....

    RispondiElimina
  16. Buona Sana sottile satira, del nostro amico Aldo ...
    avrei moltissimo da dire sull'argomento ...
    ma poi mi dicono che sono prolissooooooo !
    ah ah ah.ed allora "sarò breve!"
    Impossibilitato dal far meno km in città (circa 80-100 al giorno) ho fatto un sacco di calcoli ed ho trovato una cosa interessante che fan-sedere alla brevità ve lo dico ugualmente ! ah ah ah
    tutti i dati sono "circa", ma molto vicini alla realtà! e sono validi per una città semaforica tipo Firenze.
    la mia auto a 60km/h = 1500 giri minuto fa 15 km con un litro, di conseguenza per fare 60 km impiega un ora e dunque in un ora consuma 4 litri, ovvero litri 0,07 al minuto ok fin qui semplice.
    Stando fermo al semaforo al minimo sono a 750 giri al minuto:
    dunque approssimativamente consumo 0,035 litri al minuto che con il prezzo del carburante ad euro 1,75 corrispondono a circa 6 centesimi al minuto e questo è quanto consuma la mia auto al minimo.
    Al semaforo raramente sto fermo un minuto, ma spesso capita che prima di giungere al semaforo si prendono 3 o quattro cicli di rosso-verde.
    Assumiamo per definizione una realistica media di un minuto a semaforo.
    Pensiamo che di semafori ne abbiamo una media di 2 a km e che ne prenda rossi mediamente il 50% , ottengo 100 minuti fermo al semaforo al giorno .
    100 minuti x 6 cent/min. = 6 euro al giorno al semaforo x 200 giornate lavorative = 1.200 euro l'anno di carburante gettati al semaforo rosso.
    Moltiplicato per le auto in circolazione ferme al rosso le cifre sono enormi.
    Quando vedo il rosso metto in folle rallento molto, ma spero anche di non fermarmi perché consumo meno in accelerazione non dovendo ripartire da zero e se proprio devo fermarmi spengo il motore.
    Ho imparato a far partire lentamente l'auto senza premere l'acceleratore e solo quando si è mossa di qualche metro inizio ad accelerare dolcemente.
    Con questo sistema risparmio 1.500 euro l'anno che sono almeno 1150 euro non regalati allo Stato: ah! che soddisfazione !
    Ed inoltre inquino molto meno.
    Ecco sono stato prolisso e noioso, ma se volete risparmiare una cifra, spengete il motore quando vedete il semaforo rosso, parola di risparmiatore !
    Nelle auto del 1950-1970, a carburatore, non conveniva spengere, ma con i motori ad iniezione conviene molto.
    Il risparmio è direttamente proporzionale al mio calcolo , dunque se uno ha un auto che a 60 km/h facesse 20 km con un litro, il risparmio sarà leggermente inferiore e se facesse 30Km con un litro il risparmio sarà di 750 euro l'anno ecc.
    provare per credere !
    Anche avere le gomme gonfiate leggermente di più, fa consumare meno, se la pressione consigliata fosse 1,8 bar gonfiatele a 2,2-2,3 si risparmia un 5%
    Di giorno i fari devono essere spenti, si consuma di più con le luci accese!
    L'aria calda non fa consumare di più, ma l'aria condizionata calda si, dunque si deve accendere il riscaldamento senza premere il pulsante del climatizzatore automatico ... ottenendo circa l'8% di risparmio;
    Altro risparmio consiste nel viaggiare a finestrini chiusi e senza portabagaglio sul tetto.
    Se le condizioni della strada, del traffico e meteo lo consentono è possibile fare lunghi tratti in folle senza però far calare troppo la velocità perché per riprendere velocità si consuma di più.
    Insomma si può risparmiare molto carburante.
    Se siete sull'autostrada e decidete di tenere una velocità tra i 100 ed i 110 km/h trovatevi un bel pullman e mettetevi a 15 metri di distanza, è noioso, e non dovete distrarvi , ma viaggerete con un filo di gas risucchiati dai vortici che crea il pullman od il grosso camion.
    Se avete un diesel ricordatevi che tutti gli anni deve essere sostituito il filtro del gasolio ed il filtro dell'aria, se volete risparmiare cambiateli ogni due anni, ma non superate il limite dei due anni o dei 30.000 km.
    Invece con il motore diesel non andate cercando di cambiare le candele ! rimarreste delusi !
    ecco fatto ...
    non stato breve !

    RispondiElimina
  17. Io consiglierei oltre al risparmio della benzina e ad una ritrovata e benefica povertà,una dieta con uso della cintura come si faceva una volta quando non avevamo tutti questi vizi da ricchi.Dobbiamo mettercelo in testa che i ricchi per essere chiamati ricchi non devono avere troppa concorrenza, quindi perhè mai i non ricchi devono potersi fare le ferie? Perchè devono potersi comprare un auto di grossa cilindrata? Perchè devono possedere una casa che non sia un monovano col bagno in comune? Nossignori il ricco chiamasi così perchè il suo contrario è il povero,ne va della loro sopravvivenza!Così come non ci può essere padrone senza schiavo è ovvio che il ricco senza povero si potrebbe estinguere...noi possiamo volere questo? Nooooo! Ecco che noi che siamo dei veri Italiani torneremo alla dieta della cintura e non ci lamenteremo nemmeno, perchè come dicono i nostri vecchi "stavamo meglio quando stavamo peggio" e allora ritorniamo a stare peggio. Tanti auguri e tante cinture a tutti gli italiani del ceto medio basso e bassissimo.

    RispondiElimina