lunedì 25 luglio 2011

E...state in bianco e nero



La vita di ogni essere è cadenzata da innumerevoli riti. Anche il mangiare, aldilà del soddisfacimento di un bisogno primordiale, è un rito.
I miei riti sono la lettura di svariati quotidiani, una capatina su internet, la visione di tre pagine sul Televideo Rai: politica, cronaca e – con molta, molta più attenzione – sport. Da qualche tempo il dito, veloce, va anche sulla videata che cataloga i gusti televisivi di un campione (non so quanto rappresentativo) di italiani.
Tra i programmi più visti, naviga sempre in posizione-podio una raccolta di spezzoni Rai depigmentati dal tempo: è in prima serata, subito dopo il Tg e appena prima del programma forte della rete ammiraglia (di solito un film anni sessanta di nessun valore).

È estate, si dirà; in pochi guardano la televisione. E poi i programmisti Rai e Mediaset sono la categoria di umani che godono del periodo di ferie più lungo al mondo. Logico per i poveri addetti alla messa in onda attaccarsi ai vari “meglio di”.

Qualche sospetto, devo ammetterlo, mi viene anche prendendo visione dei vari Tg, che mi sembra – ma probabilmente è colpa mia – sprofondino nella palude del già visto. L'ultima astruseria di Bossi non mi sembra una primizia; come anche il nuovo proclama di Bersani mi pare la replica del comizio in occasione della sagra del peperone del '98. Insomma, fanno la stessa impressione di un ballo di Don Lurio o di una canzone di Gigliola Cinquetti: piccole memorie che saltano fuori dal baule del passato.

Ma c'èun discrimine che depone a favore di Don Lurio e la Cinquetti: in inverno vengono messi a riposo nelle comode teche. Le dichiazioni dei politici, invece, sono del genere che stilisti e pizzaioli catalogherebbero come genere quattro stagioni, indifferenti sia alle nebbie che alla calura.

Lancio un'idea, magari qualcuno mi legge e ci aiuta, amici miei.
Perchè non mandare in onda nei tg interviste dei vari Berlinguer e Almirante, Moro e Spadolini, Craxi e Paietta. Avrebbero lo stesso spleen in bianco e nero di Don Lurio e la Cinquetti e darebbero un po' di meritato riposo a Bossi e Bersani. In fondo è estate anche per loro.
E un po' anche per noi...