lunedì 3 gennaio 2011

Rifiuti a Napoli, arriva un concorso a premi

Stante la persistente assenza del sindaco Iervolino nei luoghi deputati alla protesta per la spazzatura nelle strade di Napoli (che, incidentalmente, è la città che amministra) e vista l'assoluta inaffidabilità delle promesse fatte da Sua Bassezza per la risoluzione del problema suindicato, i cittadini napoletani hanno deciso di indire un concorso a premi per trovare la soluzione più confacente. Arrivano i primi progetti.

Un gruppo di artisti svizzeri specializzati in costruzioni enormi e avveneristiche in tutte le parti del mondo (esclusa la Svizzera), propone l'accumulo di tutti i rifiuti in una piana a fianco del Vesuvio, in modo da creare un Vesuvio Bis. Concluderà l'opera una colata di cemento rosso che avrà il compito di far sembrare il Vesuvio Bis un enorme piatto di spaghetti con a pummarola 'ncopp.
Sono già pronte migliaia di magliette con l'effige di Maradona sullo sfondo dell'opera d'arte.

Un'altra soluzione è proposta dalla parrocchia della Madonna del Cassonetto. Consiste nel mettere davanti ad ogni cumulo di spazzatura l'immagine sacra della Madonna, portata in processione dalla squadra del Napoli. Nel caso – secondo la Cei molto probabile – che la spazzatura si smaterializzi e scompaia, il presidente de Laurentiis potrebbe approfittarne per girare un cortometraggio dal titolo “Vedi Napoli, che poi muori”. Tutta la città dovrebbe riunirsi in preghiera.
Durante una simulazione di questa variante per lo smaltimento della spazzatura, parecchi napoletani hanno avuto visioni mistiche. Peppino “O Meccanico” afferma di aver visto Calderoli ballare la tarantella con un venditore di accendini senegalese. Mimma “Capatosta” giura di aver comprato una stecca di Camel di contrabbando dal Trota. Il Governatore Caldoro dichiara che il collega Zaia smaltirà nei siti del Veneto parte della monnezza. Tutti e tre sono stati trasportati d'urgenza nel reparto Neuro-deliri dell'ospedale Cardarelli (il Trota è in osservazione: contrabbandava veramente sigarette).
Sono già pronte migliaia di magliette con la foto di Maradona che prende a calci una confezione famiglia di Pomì.

Ma la soluzione più interessante e realistica è quella avanzata dal CCC (Consorzio Camorristico Casalese). In pratica si tratta di comprare tonnellate di monnezza dal comune di Napoli, per poi rivenderle alla Provincia di Napoli, che a sua volta le gira alla Regione Campania. A questo punto l'amministratore delegato della CCC, Carmine “O Animale”, acquisterà senza gara d'appalto la spazzatura a prezzo inferiore di quanto era all'origine. La plusvalenza serivirà per acquisire un inutile sito di valore storico, dove i rifiuti verranno interrati, e una tonnellata di cocaina proveniente dalla Colombia. Il percolato in eccesso sarà imbottigliato e venduto ai devoti di San Gennaro come acqua miracolosa. Sono già pronte migliaia di magliette con l'immagine di Maradona che prende a calci in culo la Iervolino. Queste T-shirt sono già esaurite...